Lo schema di spartizione dei bordi del baccarat da $20 milioni di Phil Ivey che ha posto fine alla sua leggendaria carriera di giocatore d'azzardo

Bernard Edwards foto Bernard Edwards
13 dicembre 2023
21440 Visualizzazioni
Phil Ivey

Nel mondo del gioco d'azzardo high stakes, Phil Ivey era senza dubbio una leggenda. Con dieci braccialetti delle World Series of Poker a suo nome, il "Tiger Woods del poker" ha abbagliato i fan con le sue giocate audaci per decenni, sostenute da un'abilità fredda e calcolatrice. Ma nel 2012, Ivey ha fatto un azzardo enorme non solo con i soldi, ma anche con la sua imponente reputazione, e alla fine ha perso alla grande.

Quando Ivey e il suo complice Kelly Sun hanno sfruttato piccoli difetti delle carte per vincere quasi $20 milioni giocando a Punto Banco baccarat, forse pensava di aver trovato un vantaggio ingegnoso possibile solo grazie alla sua padronanza elitaria del gioco. Anche lo stesso method, chiamato "edge sorting", sembrava approprio per la nota propensione di Ivey a eludere i limiti del gioco legale. Alla fine, però, la sua arroganza lo portò a danneggiare profondamente la sua immagine, un tempo eccellente.

I rischi di Phil Ivey

Il trionfo temporaneo

Inizialmente, mentre Ivey rastrellava milioni dal casinò Borgata di Atlantic City e dal Crockfords di Londra attraverso l'edge sorting senza essere scoperto, il suo method appeared brillante. Convincendo i casinò a ruotare le carte in un certo modo e a non cambiare spesso i mazzi, i dorsi asimmetrici delle carte permettevano a Ivey di riconoscere di nascosto le carte di alto valore. Gli dava una finestra segreta sul gioco a cui nessun altro aveva accesso. E i casinò finanziavano ignari il suo gioco, ignari di ciò che stava realmente accadendo.

Un costoso danno alla reputazione

Ma quando arrivarono le cause legali da parte di entrambi gli stabilimenti che si sentivano ingannati, Ivey si oppose incautamente con un'intensa azione legale per difendere le sue vincite. Non aveva alterato fisicamente le carte, sosteneva, ma aveva semplicemente superato i casinò. Ma dopo anni di battaglie in tribunale, i giudici stabilirono definitivamente che aveva manovrato un vantaggio illegale. Ivey è stato ritenuto responsabile di aver ingannato e imbrogliato con la sua manipolazione.

Le conseguenze sono state immense. Ivey diede l'addio a $20 milioni di vincite contestate. Entrambi i casinò tagliarono completamente i ponti. La sua reputazione, un tempo scintillante, subì un duro colpo per le ethic delle sue azioni. E il logorio di lunghe e aspre cause legali ha fatto sì che alla fine Ivey sembrasse più un imputato malconcio e combattuto che un campione in bilico. Il prezzo per la sua arroganza è stato chiaramente alto.

Phil Ivey gioca

Boom e Bust

Ai tempi del flush, Phil Ivey era l'invidia di tutti i giocatori d'azzardo. Aveva i soldi, le donne, la fama e lo status. Ma è interessante notare che la velocità con cui Ivey ha vinto i suoi milioni con mezzi astuti, sembra che li abbia persi ancora più velocemente nell'anno successivo. Investimenti sbagliati come quelli immobiliari hanno fatto crollare il suo patrimonio netto. Le imprese fallite gli sono costate care. E ben presto anche gli accordi di sponsorizzazione di Ivey si sono esauriti.

Naturalmente, la fortuna gioca sempre un ruolo nei giochi d'azzardo. E Ivey ha certamente affrontato nella sua vita azzardi che vanno ben oltre le carte. Ma quando si è spinto troppo oltre le linee ethical, cercando di difendere lo spirito del gioco di vantaggio rispetto a un chiaro inganno, alla fine ha pagato un costo elevato per mettere in pericolo la leggendaria reputazione che si era costruito. In un certo senso, Ivey ha giocato d'azzardo con la sua più grande risorsa e ha finito per fallire.

Il racconto della morale

A distanza di anni, Phil Ivey rimane un giocatore di prim'ordine, ancora ammirato da molti nei circoli del poker. Ma lo scandalo dell'edge sorting perseguita profondamente la sua eredità ancora oggi. Nel migliore dei casi, i fan discutono se abbia davvero imbrogliato qualcuno. Nel peggiore dei casi, lo si definisce irrimediabilmente unethical. E Ivey stesso è scomparso dalle luci della ribalta che un tempo dominava in modo così brillante.

Alla fine si tratta di un racconto morale. Anche i giocatori d'azzardo leggendari hanno difetti tragici che alla fine provocano grandi cadute. Per Phil Ivey, considerato per anni il miglior giocatore di poker al mondo, la sua ossessione di massimizzare il vantaggio e minimizzare il rischio si è alla fine ritorta contro di lui quando è stato portato troppo in là. E il suo incredibile trionfo di $20 milioni di edge che ha affascinato il mondo del gioco d'azzardo sarà ora per sempre legato alla disgrazia piuttosto che alla gloria.

Bernard Edwards foto
Autore Bernard Edwards

Baccarat esperto e appassionato del settore del gioco d'azzardo online. Con oltre un decennio di esperienza nel settore, Bernard è diventato una rinomata autorità nel gioco del baccarat e cerca sempre di essere all'avanguardia nel mondo del gioco d'azzardo online in costante evoluzione.